Lo spino di Giuda: attenti a non pungervi.

Ordine: Fabales

Famiglia: Fabaceae

Genere: Gleditsia

Specie: G. triacanthos

MORFOLOGIA

Portamento e dimensioni: albero deciduo alto 25-30 m, poco longevo. È molto ramificato con rami disordinati e contorti e presenta una chioma ampia. Può trovarsi anche in forma arbustiva.

Corteccia: grigio-brunastra, leggermente fessurata longitudinalmente, da cui fuoriescono numerose e robuste spine legnose raccolte a gruppi di tre.

Foglie: composte, alterne, con 12-20 foglioline ellittiche dal margine leggermente dentato.

Fiori: riuniti in infiorescenze, di colore giallo-verdastro e molto odorosi. Sono poco appariscenti e compaiono tendenzialmente nei mesi di maggio e giugno.

Frutti e semi: legumi lunghi 20-40 cm di colore rosso-bruno, contenenti numerosi semi ovali. Maturano in autunno e cadono interi in inverno. In natura la diffusione dei semi avviene grazie agli erbivori che mangiano i baccelli e disperdono i semi con le feci.

 

DISTRIBUZIONE E HABITAT

Pianta originaria del Nord America orientale, in particolare della zona dei Grandi Laghi, introdotta in Europa nel 1700. Si ritrova fino a 500 m di quota. Tollera la siccità e l’inquinamento atmosferico mentre non sopporta il vento troppo forte.

 

UTILIZZO

I giovani legumi, ancora teneri, possono essere usati come verdura bollita e condita, anche per l’alimentazione umana. Il legno, molto duro e pesante, è scarsamente impiegato.

La pianta è stata largamente utilizzata per formare siepi impenetrabili, data la presenza delle numerose e robuste spine.

 

CURIOSITÀ

Il nome del genere è dedicato al botanico tedesco Johann Gottlieb Gleditsch, mentre il nome della specie (triacanthos) si riferisce alla tipica ramificazione delle spine, raccolte appunto a gruppi di tre.

Il nome volgare “spino di Giuda” fa invece riferimento alla corona di spine usata durante la Passione di Gesù, secondo il racconto dei Vangeli.

Corteccia

Foglie composte

Inizio fioritura

Portamento a inizio primavera

Portamento in estate

Frutto a legume