Il cedro dell’Atlante Glauca, una varietà ornamentale.

Ordine: Pinales

Famiglia: Pinaceae

Genere: Cedrus

Specie: C. atlantica var. Glauca

MORFOLOGIA

Portamento e dimensioni: albero sempreverde che raggiunge di solito i 40 metri di altezza, a crescita lenta. Presenta una chioma dalla forma piramidale, non molto densa.

Corteccia: di colore grigio-argenteo e fessurata in piccole placche.

Foglie: aghiformi e di colore blu argentato, riuniti in ciuffi di 20-40 unità. Persistono sulla pianta per circa 3 anni.

Fiori: essendo una conifera non produce fiori veri e propri, ma microsporofilli maschili e macrosporofilli femminili, raggruppati in strobili. Sono entrambi portati sulla stessa pianta.

Frutti e semi: strobili, detti anche coni o pigne, dalla forma cilindrica e di colore marrone chiaro tendente al rosa.

 

DISTRIBUZIONE E HABITAT

Miglioramento e selezione della specie botanica tipo, il cedro dell’Atlante appunto, di origine nord africana. Resiste abbastanza bene all’inquinamento atmosferico, alla siccità e al freddo. Predilige i terreni secchi.

 

UTILIZZO

A differenza della specie tipo, il cedro dell’Atlante nella varietà Glauca viene coltivato soprattutto come pianta ornamentale per la colorazione argentea delle foglie e per la morfologia molto caratteristica delle pigne. Viene impiegato per parchi e giardini, dove si ritrova spesso come esemplare isolato. Necessita infatti di spazio, raggiungendo altezze notevoli e producendo una chioma non troppo fitta, ma comunque di grandi dimensioni.

 

CURIOSITA’

Il nome della specie deriva dalla sua origine e diffusione nella catena dell’Atlante in Nord Africa. Il nome della varietà deriva invece dal tipico colore verde-grigio degli aghi, che da alla pianta un aspetto molto decorativo.

Portamento e tronco

Corteccia

Foglie aghiformi